La solidarietà a Lariano non si ferma

“Il grazie della FIL alla famiglia di Antonio Candidi che anche quest’anno con il suo impegno ha dato vita alla ricerca sui linfomi”

Per il terzo anno consecutivo, nonostante l’emergenza sanitaria e le norme restrittive per limitare il contagio d COVID – 19, si è svolto il Memorial in ricordo di Antonio Candidi, il ragazzo di 28 anni prematuramente scomparso nel 2017 a causa di un linfoma.

Non potendo organizzare il torneo di calcio con cui era stato commemorato Antonio nelle edizioni scorse, e grazie al quale sono stati raccolti fondi per condurre il progetto di ricerca su una patologia rara, i Linfomi T, la famiglia Candidi ha messo nuovamente in campo la solidarietà realizzando un evento virtuale che ha coinvolto tutta la comunità di Lariano attraverso la condivisione sui social network.

Molti sono gli amici che sono intervenuti per lasciare ricordi e aneddoti legati ad Antonio, una partecipazione sentita che anche quest’anno ha permesso di donare 3555 euro alla Fondazione Italiana Linfomi destinati alla ricerca scientifica sui linfomi T.

Con i fondi raccolti nelle prime due edizioni del  Memorial, è stato condotto e portato a termine lo studio “Confronto tra espressione Immunoistochimica e Genica delle vie metaboliche di BCL-2, CD38, PD1 e PD1-L mediante piattaforma NanoString in pazienti con Linfoma T Periferico Nodali” che ha lo scopo di valutare con una metodologia alternativa l’espressione di alcuni biomarcatori per i quali potrebbero essere disponibili potenziali farmaci “a bersaglio.

L’ipotesi portata avanti dalla ricerca è quella di sviluppare un modello diagnostico rapido, riproducibile, non più costoso rispetto a metodiche tradizionali standard di diagnosi e tale da poter in futuro guidare la scelta terapeutica per i pazienti con Linfoma T, personalizzando la l’indicazione di trattamento in base alle caratteristiche biologiche della malattia. I risultati dello studio saranno presto pubblicati.

La FIL rinnova il suo ringraziamento alla famiglia e gli amici di Antonio Candidi, perché attraverso questo tipo di iniziative che si possono segnare i goal più importanti. “Ci tengo a ringraziare in prima persona la famiglia di Antonio perché da anni sostiene la FIL e diffonde il messaggio dell’importanza della ricerca scientifica.”- aggiunge il Presidente FIL, dott. Francesco Merli-, “Grazie all’impegno profuso in questi anni nel raccogliere fondi a favore della FIL abbiamo già potuto portare a termine uno studio sui linfomi T e continueremo a studiare questa tipologia di linfoma raro per dare nuove speranze a tutti i malati. È un atto doveroso anche nei confronti di Antonio e della sua famiglia, l’energia e la passione con cui organizzano il memorial, quest’anno solo virtuale, ma non per questo meno sentito, sono esemplari e se possibile ci fanno capire ancora di più il ruolo cruciale che assumono oggi la ricerca scientifica e l’attività di realtà come la Fondazione Italiana Linfomi.”

È fondamentale, proprio nell’anno del suo decennale, confermare la fiducia dimostrata verso le attività della Fondazione Italiana linfomi Onlus che oggi più che mai è proiettata verso le tante sfide che ancora rimangono aperte nella lotta ai linfomi.

Se lo hai trovato interessante... condividilo!

Categorie: News