Annalisa Arcari - Responsabile Commissione Linfomi dell'Anziano

Pazienti anziani con epatite C affetti da linfoma: i risultati della ricerca FIL_Elderly Project

Ancora un successo per le attività di ricerca della Fondazione Italiana Linfomi.

Il lavoro dal titolo “Biological features and outcome of diffuse large B-cell lymphoma associated with hepatitis C virus in elderly patients: Results of the prospective ‘Elderly Project’ by the Fondazione Italiana Linfomi” è stato pubblicato nei giorni scorsi sul British Journal of Haematology, con prima firma quella della Dott.ssa Annalisa Arcari dell’Ematologia di Piacenza, responsabile della Commissione Linfomi dell’anziano della FIL.

Lo studio si inserisce nell’ambito del progetto di ricerca “Elderly Project” della Fondazione Italiana Linfomi che ha coinvolto 1163 pazienti di età superiore a 65 affetti da Linfoma diffuso a grandi cellule, curati in 36 centri onco-ematologici italiani.  Questo lavoro ha dimostrato l’importanza dell’impiego di una valutazione geriatrica alla diagnosi effettuata mediante la raccolta informatizzata di notizie riguardanti la presenza di altre malattie oltre al linfoma e il grado di autonomia funzionale del paziente. Uno dei risultati più significativi raggiunti è stata la messa a punto di un indice prognostico (Elderly Prognostic Index – EPI) che considera congiuntamente gli esiti della valutazione geriatrica e le caratteristiche cliniche del linfoma.

La ricerca della Dott.ssa Arcari si è concentrata su pazienti anziani con epatite C, affetti da linfoma, e ha permesso di individuare peculiari caratteristiche cliniche e biologiche dei soggetti positivi e di dimostrare che questi pazienti possono essere curati con i consueti trattamenti immuno-chemioterapici senza elevati rischi di tossicità.

Le analisi condotte, inoltre, hanno dimostrato che la somministrazione dei nuovi antivirali per l’epatite C durante o dopo la chemioterapia permette di eliminare il virus nel 100% dei casi e di migliorare la prognosi.

Il lavoro è stato realizzato in collaborazione con Michele Spina, del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, coordinatore del progetto Elderly Project, e Valentina Tabanelli, patologa dell’Istituto Europeo di Oncologia.

Qui la pubblicazione sul British Journal of Haematology

Sostieni la ricerca