Conosciamo i centri FIL · Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna, U.O. di Ematologia

Continua il “giro d’Italia” di Fondazione Italiana Linfomi, un’opportunità per far conoscere meglio i centri che in tutto il Paese aderiscono a FIL (sono più di 150) e si occupano di ricerca sui linfomi, terapie e azioni rivolte alla qualità di vita dei pazienti. Una grande rete che rappresenta l’elemento distintivo e qualificante della Fondazione. 

Conosciamo l’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna e nello specifico il reparto di Ematologia, diretto dal dottor Francesco Lanza, che sull’appartenenza alla rete FIL spiega:

Sicuramente è un’ottima opportunità, in quanto parliamo della comunità di riferimento nella terapia dei linfomi, che ci consente di partecipare in quest’ambito a studi clinici rilevanti, che contribuiscono al progresso delle metodologie di diagnosi e cura.

L’Unitа Operativa di Ematologia di Ravenna conta 11 posti letto dotati di filtri HEPA e con pressione positiva per ridurre la carica microbica, di cui tre camere a letto singolo e quattro a due posti letto. Nel reparto di degenza e nei locali DH/Ambulatori vengono trattati pazienti ad alta complessità assistenziale, affetti da leucemie acute, leucemie croniche sia mieloidi che linfoidi, linfomi di Hodgkin e non Hodgkin, mieloma multiplo, porpora trombotica trombocitopenia, piastrinopenia autoimmune, emoglobinuria parossistica notturna, mastocitosi sistemica, morbo di Gaucher ed altre ancora, che necessitino di immuno-chemio-terapia o trapianto autologo con reinfusione di cellule staminali o midollo osseo. Vengono inoltre effettuati espianti di midollo di donatori sani MUD o di pazienti con malattie onco-ematologiche. La struttura fa parte del Centro Riferimento Trapianti Emilia-Romagna (CRT-ER), che coordina le attività di donazione e trapianto, di raccolta dati e di coordinamento delle liste di attesa.

Se lo hai trovato interessante... condividilo!